Terapia & Accompagnamento


Anima mia, il mio viaggio
deve proseguire insieme a te
C.G.Jung
Per anni mi sono mossa davanti al mare che mai si fermava, in costante mutamento, facendosi chiaro, trasparente e poi all'improvviso velato di mistero, cupo, talvolta anche minaccioso.
Questo luogo vasto è quello a cui sempre torno, al suo incessante movimento, al suo prendere e dare, al suo respiro, al suo gonfiarsi ed al suo tornare per un poco quieto.
Il mare come simbolo dell'inconscio: questa è l'immagine a cui ritorno, e che spesso metto a disposizione delle persone che incontro nel mio studio, un mare che può essere calmo ma anche ricco di sorprese nel suo moto.

Per tanti anni ho danzato per dare forma alle parole, al mio mondo interiore, per fare dei silenzi archi colorati attraverso cui esistere, sentirmi e riconoscermi. Ad un certo punto la mia danza come danzatrice singola-individuale ha raggiunto la fine del suo ciclo, e ciò mi ha permesso di realizzare la mia scelta di ricercare quella "attività di risposta", tanto anelata nel movimento, come forma di cura, di accoglienza,  di ascolto e di espressione di sé e dell'Altro.
Il movimento è diventato così nel corso della mia vita la porta d'ingresso ad un altro mondo: il mondo interiore profondo dell'immaginazione e dell'incontro con l'Altro.

La mia è una visione lontana da concezioni estetizzanti, al centro vi è il corpo-anima, vissuto come potente veicolo di miriadi di costellazioni comunicanti.
Il mio approccio è rivolto al processo all'interno di un percorso terapeutico e di accompagnamento ad orientamento corporeo. Trova le sua basi in un intreccio fra le relazioni oggettuali, l'analisi junghiana, la danzamovimento terapia e la meditazione, per meglio indagare ed esplorare il rapporto fra emozioni, immaginazione, corpo, psiche ed anima. Possono essere affrontate questioni relative all'identità, alle relazioni, alla sfera affettiva, alle scelte professionali, agli stati di disagio esistenziale, ai traumi, ai sintomi psicosomatici, alla genitorialità, a questioni spirituali, ai sogni ed alla creatività.

Il mio lavoro, tutto ciò che offro nella relazione con l' Altro, è un'apertura verso quel movimento interiore che conduce al Sé: un ritorno a casa, alla natura profonda, autentica. Discendere nel corpo e nel gesto rappresenta per me una via di conoscenza ed espressione che conduce all'accoglienza quieta di noi, a liberarci gradualmente dai turbamenti e dai condizionamenti incontrati ed accumulati.
Poter tornare al proprio respiro ed a ciò che siamo, offre la possibilità alla nostra parte più intima e profonda di emergere con coraggio, di rivelarsi, di esprimersi pienamente.
Possiamo ritrovarci in una stanza tutta per noi, muoverci o stare fermi, per dare forma alle parole, alle emozioni, ai silenzi, ed ancora oltre a quella vastità che si schiude quando stiamo in un allineamento profondo e scegliamo di prenderci cura di noi e di rispettarci.

Svolgo la mia professione di terapeuta in cui accompagno le persone in Percorsi di conoscenza in cui è possibile aprirsi all'espressione creativa e trovare una sintesi fra la realtà interiore e la vita quotidiana, fra il sapere corporeo del movimento e l'esperienza dell'analisi psicologica dei propri vissuti.
Attraverso questo Percorso risalgono in superficie memorie corporee, sogni ed ombre che altrimenti non sarebbero accessibili, rimarrebbero sepolti nell'inconscio condizionando le nostre vite.
Ognuno accoglie tutto ciò con le proprie risorse che mette a disposizione nel suo viaggio.
Un viaggio che ci rende più vivi ed autentici quando riusciamo ad integrare le nostre varie sfumature.